top of page

Regolazione dell'assunzione di erba da parte del cavallo

La maggior parte dei cavalli sta fuori ogni giorno al pascolo o nel paddock. La durata e la frequenza con cui i cavalli stanno all'aperto dipendono spesso dalle diverse stagioni. In autunno e in inverno, la luce è più corta e le condizioni del terreno sono meno buone a causa del tempo, quindi i cavalli stanno più spesso all'interno rispetto all'estate, quando la luce è più lunga e le condizioni meteorologiche sono migliori. Quando i cavalli sono all'aperto, hanno contatti sociali con altri cavalli e possono muoversi liberamente. Questo è importante per la salute e il benessere del cavallo. In primavera e in estate i cavalli hanno accesso all'erba oltre che al fieno. L'erba ha valori nutrizionali diversi rispetto ad altri tipi di foraggio grezzo, quindi è importante tenerne conto quando i cavalli hanno nuovamente accesso all'erba. Regolare l'assunzione di erba assicura che non ci siano squilibri nella razione che possono avere conseguenze sulla salute e sul benessere del cavallo.



I cavalli allo stato brado pascolano tra le 14 e le 16 ore al giorno. L'anatomia dell'apparato digerente è predisposta per digerire frequentemente piccole porzioni 1. È quindi importante che i cavalli abbiano accesso a una quantità sufficiente di foraggio grezzo ogni giorno per mettere in atto questo comportamento naturale. Consentire ai cavalli di pascolare su un prato durante le stagioni in cui l'erba fresca è disponibile è quindi l'ideale per fornire al cavallo esercizio libero e sufficiente foraggio grezzo. Tuttavia, se i cavalli hanno accesso illimitato a un pascolo d'erba, la mangiano a sazietà. L'erba fresca contiene energia, proteine, vitamine e minerali importanti per l'organismo. Ad esempio, l'erba contiene una fonte di vitamina E, importante per la salute dei muscoli e del sistema immunitario e che funziona come antiossidante nell'organismo. Tuttavia, i valori nutrizionali esatti dell'erba non sono facili da determinare perché dipendono da fattori quali le condizioni meteorologiche e lo stadio di crescita dell'erba, il che può comportare uno squilibrio della razione quando il cavallo ha un accesso illimitato all'erba 3. Inoltre, l'erba fresca in primavera contiene spesso livelli più elevati di zuccheri, che possono avere effetti sulla salute del cavallo 4. Per questo motivo è importante che, quando i cavalli tornano a pascolare su pascoli erbosi, siano preparati per questo e che l'assunzione di erba fresca sia regolata.


Contenuto di zucchero nell'erba fresca


L'erba, attraverso il processo di fotosintesi, produce glucosio (o zucchero) che viene utilizzato come fonte di energia per la crescita delle piante 5. Il processo di fotosintesi richiede l'ossigeno. Il processo di fotosintesi richiede ossigeno, acqua e luce. Di notte, quando è buio e la pianta non è più in grado di effettuare la fotosintesi, l'erba utilizza l'energia prodotta durante il giorno per crescere, riducendo il contenuto di zucchero nell'erba 5. In primavera, però, le notti sono spesso ancora molto fredde e questo limita il processo di crescita e l'erba trattiene l'acqua e gli zuccheri per sopravvivere 5. Il risultato è che il contenuto di zuccheri si riduce. Di conseguenza, il contenuto di zucchero non si riduce e l'erba contiene ancora troppi zuccheri al mattino, quando i cavalli entrano nel pascolo 5. Soprattutto in primavera, quando i cavalli hanno di nuovo accesso all'erba fresca per la prima volta, l'assunzione di troppi zuccheri può avere effetti sulla salute. Quando il cavallo ha accesso all'erba (ricca di zuccheri), senza regolare l'assunzione e senza permettere al cavallo di abituarsi all'erba primaverile, la razione del cavallo cambia improvvisamente, il che può causare problemi di salute come coliche, insulino-resistenza o laminite 6.


Per tenere traccia di quando l'erba è ricca di zuccheri, si può utilizzare come strumento l'indice di fruttosio. Si tratta di un indice basato sulle informazioni meteorologiche attuali. Fornisce quindi un'idea del contenuto di zuccheri dell'erba nella vostra zona e può essere utilizzato come strumento durante la stagione di pascolo.


Modi per regolare l'assunzione di erba da parte del cavallo


L'assunzione di erba può essere regolata riducendo la quantità di erba disponibile per il cavallo, riducendo il tempo di permanenza al pascolo o facendo in modo che il cavallo possa assumere meno erba.


Per regolare l'assunzione di erba da parte del cavallo, si usano diversi sistemi di pascolo 7,8. Come indicato in precedenza, si può scegliere di dare al cavallo un accesso illimitato all'erba fresca. Tuttavia, per i cavalli suscettibili di laminite o che soffrono di altre condizioni di salute in cui un'elevata assunzione di zuccheri non è favorevole, questo non è l'ideale e può avere effetti sulla salute 4. Soprattutto quando il cavallo entra per la prima volta nel pascolo, l'erba illimitata non è favorevole perché in questo periodo l'erba contiene più zuccheri e quindi un improvviso aumento dell'assunzione può avere un impatto sulla salute del cavallo.


Un metodo comunemente usato per regolare la quantità di erba è il pascolo a strisce. Utilizzando un filo mobile, il cavallo ha a disposizione ogni volta una striscia d'erba fresca, regolando così l'assunzione 10. Il pascolo a strisce può essere regolato da un filo di ferro su un solo lato, che fa sì che il pascolo diventi più grande quando il filo viene spostato, oppure da un filo di ferro su entrambi i lati, che permette alla parte già pascolata di "riposare" e all'erba di crescere di nuovo (Figura 1). Le ricerche hanno dimostrato che l'uso del pascolo a strisce ha un effetto positivo sul Body Condition Score (BCS) e sul peso corporeo 7,9 . Inoltre, il pascolo a strisce fa sì che il cavallo assorba una quantità d'erba significativamente inferiore rispetto a quando gli viene offerta erba illimitata. Tuttavia, alcuni studi hanno dimostrato che i cavalli, quando hanno a disposizione una nuova striscia di erba fresca, ingeriscono l'erba più velocemente rispetto ai cavalli che hanno accesso illimitato all'erba e che quindi pascolano più lentamente 7,9. Uno studio condotto da Dowler et al. (2012) ha dimostrato che quando i cavalli pascolano per 8 ore, assumono la maggior parte dell'erba nelle prime 4 ore rispetto alle seconde 4 ore. Pertanto, quando si dà al cavallo l'accesso a una striscia di erba fresca, è bene considerare l'ora del giorno, perché nelle notti fredde, ad esempio, l'erba contiene la maggior parte degli zuccheri al mattino. Se i cavalli hanno accesso a quest'erba ricca di zuccheri per le prime 4 ore del mattino, assorbiranno comunque più zuccheri di quanto desiderato. Poiché l'uso del pascolo a strisce ha un effetto positivo sul peso corporeo del cavallo rispetto ai cavalli che pascolano senza restrizioni, il pascolo a strisce è un buon modo per regolare l'assunzione di erba.


Figura 1 Il pascolo 1 ha un filo mobile, che aumenta l'area del pascolo ogni volta che viene aggiunta una nuova striscia di erba fresca. Il pascolo 2 ha un filo mobile davanti e dietro, creando 3 strisce. La striscia verde chiaro è l'area pascolata che ora può "riposare", la striscia centrale è quella in cui il cavallo pascola e ogni volta viene aggiunta una nuova striscia d'erba. L'ultima striscia (verde scuro) è la parte che non è ancora stata pascolata.


Inoltre, l'assunzione può essere regolata dando al cavallo un accesso più breve all'erba. Per il benessere del cavallo, tuttavia, è importante che faccia abbastanza esercizio libero ogni giorno. Il pascolo su un prato è un modo semplice per dare al cavallo sufficiente libertà di movimento. Per ridurre comunque l'assunzione di erba, il pascolo può essere alternato con un paddock in cui il cavallo ha accesso a un altro tipo di foraggio grezzo, come il fieno. Tuttavia, le ricerche dimostrano che dopo un po' di tempo i cavalli prendono il ritmo della routine che li porta a brucare di più e più velocemente per assumere quanta più erba possibile in un periodo più breve.


Durante i periodi in cui i livelli di zucchero nell'erba sono elevati, si raccomanda che i cavalli inclini alla laminite o con diagnosi di PPID, resistenza all'insulina o EMS non abbiano accesso all'erba fresca. Tuttavia, anche questi cavalli hanno bisogno di fare esercizio libero. Per garantire comunque l'esercizio libero, questi cavalli possono essere messi all'aperto in un recinto di sabbia, dove hanno accesso a foraggio grezzo a basso contenuto di zuccheri.

Quando le notti di primavera sono ancora fredde e al mattino si vede la rugiada sull'erba, è consigliabile tagliare l'erba prima di dare ai cavalli l'accesso al pascolo. Gli zuccheri presenti nell'erba sono utilizzati per la crescita dell'erba. Tagliandola, quindi, si utilizzano gli zuccheri per far ricrescere l'erba 12. Tuttavia, è importante non tagliare l'erba troppo corta perché gli zuccheri si trovano nella parte inferiore dell'erba, quindi un'erba troppo corta contiene ancora molti zuccheri.


Un'opzione sempre più utilizzata dai proprietari di cavalli è l'uso di una maschera da pascolo. Una ricerca condotta da Glunk et al. (2014) ha dimostrato che i cavalli che indossavano una maschera da pascolo ingerivano il 30% di erba in meno rispetto ai cavalli senza maschera da pascolo. La maschera da pascolo consente al cavallo di ingerire meno erba ma di avere comunque la possibilità di stare al pascolo 13. Gli studi che hanno testato le maschere da pascolo hanno utilizzato pascoli in cui l'erba era alta almeno 8 cm e fino a 20 cm 11,13. Se l'erba è troppo corta, il cavallo può ingerire meno erba. Se l'erba è troppo corta, l'erba non passa attraverso la maschera di pascolo, impedendo al cavallo di mordere correttamente l'erba. Tuttavia, l'erba più lunga risulta più difficile da mordere e masticare con la maschera da pascolo rispetto a quella più corta. Ci sono anche cavalli che non pascolano affatto con la maschera da pascolo o che trovano difficile bere con la maschera da pascolo indossata. Per questo motivo è bene tenere d'occhio il cavallo le prime volte che si usa la maschera da pascolo per evitare che rimanga a lungo senza mangiare o bere. Inoltre, la maschera da pascolo non è fatta per essere indossata tutto il giorno. Pertanto, si può scegliere di indossarla solo temporaneamente, ad esempio solo nei periodi in cui l'erba contiene molti zuccheri. Questa è un'opzione, ad esempio, quando i cavalli sono all'aperto sui pascoli 24 ore al giorno. Tuttavia, c'è la possibilità che quando la maschera di pascolo viene tolta, il cavallo cerchi di consumare più erba possibile in una volta sola e di brucare più velocemente. Una maschera di pascolo è quindi una buona opzione in combinazione con un altro sistema di pascolo, come il pascolo a strisce, per evitare che il cavallo ingerisca improvvisamente molti zuccheri quando la maschera viene tolta.


È quindi importante regolare l'assunzione di erba da parte del cavallo durante il passaggio dall'inverno alla primavera per evitare un'eccessiva assunzione di zuccheri. Soprattutto quando i cavalli sono stati molto al chiuso durante il periodo invernale e non hanno ancora avuto accesso all'erba. Esistono diversi modi per regolare l'assunzione di erba. È importante considerare quale sistema può essere applicato all'interno della struttura del cavallo. Inoltre, anche l'orario in cui il cavallo ha accesso all'erba influisce molto sull'assunzione di erba zuccherina. Una buona gestione è quindi essenziale per prevenire problemi di salute dovuti all'assunzione di erba zuccherina.

 

Riferimenti

 

 

1.           Bott, R., Greene, E.A., Koch, K., Martinson, K.L., Siciliano, P.D., Williams, C., Trottier,

N.L., Burk, A., Swinker, A. (2013) Production and Environmental Implications of

Equine Grazing. Journal of Equine Veterinary Science, 33(12):1031-1043.

2.           Finno, C.J., Valberg, S.J. (2012) A Comparative Review of Vitamin E and Associated Equine Disorders. Journal of Veterinary Internal Medicine, 26(6): 1251-1266.

3.           Ragnarsson, S., Lindberg, J.E. (2010) Nutritional value of mixed grass haylage in

Icelandic horses. Livestock Science, 131(1):83-87.

4.           Harris, P., Bailey, S.R., Elliott, J., Longland, A. (2006) Countermeasures for Pasture-

Associated Laminitis in Ponies and Horses. The Journal of Nutrition, 136(7):2114-

2121.

5.           Kathryn, A., Watts, B.S., Chatterton, J. (2004) A Review of Factors Affecting

Carbohydrate Levels in Forage. Journal of Equine Veterinary Science, 24(2):84-86.

6.           Watts, K. (2010) Pasture Management to Minimize the Risk of Equine Laminitis.

Veterinary Clinics of North America: Equine Practice, 26(2):361-369.

7.           Dowler, L.E., Siciliano, P.D., Pratt-Phillips, S.E., Poore, M. (2012) Determination of

Pasture Dry Matter Intake Rates in Different Seasons and Their Application in

Grazing Management. Journal of Equine Veterinary Science, 32(2):85-92.

8.           Kenny, L.B., Burk, A., Williams, C.A. (2019) Managing Equine Grazing for Pasture

Productivity. Horse Pasture Management, 141-155.

9.           Longland, A.C., Barfoot, C., Harris, P.A. (2021) Strip-grazing: Reduces pony dry

matter intakes and changes in bodyweight and morphometrics. Equine Veterinary

Journal, 54(1):159-166.

10.         Cameron, A., Longland, A., Pfau, T., Pinnegar, S., Brackston, I., Hockenhull, J., Harris,

P.A., Menzies-Gow, N.J. (2022) The Effect of Strip Grazing on Physical Activity and

Behavior in Ponies. Journal of Equine Veterinary Science, 110: 1-31.

11.         Ince, J.C., Longland, A.C., Newbold, C.J., Harris, P.A. (2011) Changes in proportions

of dry matter intakes by ponies with access to pasture and haylage for 3 and 20

hours per day respectively, for six weeks. Journal of Equine Veterinary Science, 31(5-

6):283.

12.         Watts, K.A. (2004) Forage and Pasture Management for Laminitic Horses. Clinical

Techniques in Equine Practice, 3(1):88-95.

13.         Glunk, E.C., Scheaffer, C.C., Hathaway, M.R., Martinson, K.L. (2014) Interaction of

Grazing Muzzle Use and Grass Species of Forage Intake of Horses. Journal of

Equine Veterinary Science, 34(7):930-933.

14.         Longland, A.C., Barfoot, C., Harris, P.A. (2016) Efficacy of wearing grazing muzzles

for 10 hours per day on controlling bodyweight in pastured ponies. Journal of

Equine Veterinary Science, 45:22-27.

Hozzászólások


bottom of page